Innanzitutto per poter firmare digitalmente gli atti che intendiamo notificare, occorre necessariamente oltre al dispositivo di firma digitale l’uso di appositi programmi scaricabili gratuitamente da internet (es. Dike, Firma Certa ed altri)

Come scaricare i programmi

Per prima cosa basta andare su google e scrivere ad esempio “Dike” e cliccare sul primo sito come da schermata sottostante:

Immagine

Si aprirà così un pagina web (sotto raffigurata) nella quale potrete scaricare a seconda del vs sistema operativo (Windows, Mac o Linux) il programma in questione (nel caso di specie scarichiamo il programma Dike per Windows); a questo punto si aprirà una piccola finestra di salvataggio, cliccare su “Salva file” e procedere così all’installazione:

Immagine

Sul vostro desktop, al termine dell’installazione, vi comparirà l’icona sotto raffigurata:

3

Come firmare digitalmente gli atti da notificare a mezzo pec

Prima di firmare digitalmente gli atti che si intendono notificare a mezzo pec, è necessario prima, verificare un eventuale presenza negli stessi di collegamenti ipertestuali nel qual caso rimuoverli (si veda a proposito la mini guida “come eliminare i collegamenti ipertestuali” ), poi convertire il nostro file sul quale è stato redatto l’atto da sottoscrivere ( word, open office ecc.) in un file pdf nativo (si veda a proposito la mini guida “come convertire un file da notificare in pdf nativo” ).

Espletate la predette operazioni, è possibile sottoscrivere digitalmente il nostro file convertito in pdf nativo (oppure il nostro file pdf immagine in caso di sottoscrizione di atti per i quali si è proceduto alla scansione come ad esempio la procura alle liti) utilizzando il programma Dike.

Facendo un doppio click sull’ icona Dike, si aprirà il programma, cliccare poi su “seleziona file” e caricare il file da sottoscrivere (nel nostro caso un atto di citazione) come da schermata sottostante:

1

Una volta caricato il file in questione cliccare su “Firma”, si aprirà così una finestra di salvataggio in virtù della quale è possibile stabilire dove si intende salvare il file che verrà firmato digitalmente (nel nostro caso sul desktop), cliccare su “ok” come da schermata sottostante:

2

Una volta inserito il PIN ed ultimata l’operazione di firma, sul nostro desktop comparirà accanto al file in formato pdf, il file in formato pdf.p7m (es. atto di citazione) firmato digitalmente, come da schermata sotto raffigurata:

3